mostra_digitale interattiva

Vacciniamoci d’arte: ottanta tra artisti e artigiani della Penisola Sorrentina, in una mostra virtuale tridimensionale on-line

“Vacciniamoci d’arte” è un’idea che nasce senza alcuna pretesa ed assolutamente non a scopo di lucro che vuole essere un’iniezione di fuducia, soprattutto nei confronti tanti uomini donne che hanno dovuto fermare le loro botteghe e le loro attività artigianali.

mostra_digitale interattiva 2
Cliccando sul link vi troverete all’ingresso della villa, dove potete accedere agli ambienti cliccando sulle varie porte. Tutti gli oggetti esposti possono essere cliccati e si ingrandiscono, per una migliore visione dell’opera, ed ognuno, è fornito del proprio cartellino che potete visionare in 3d all’interno di Villa Fiorentino.

CLICCA QUI PER ENTRARE A VILLA FIORENTINO 3D
www.sorrentoweb.net/fondazionesorrento/index

Una mostra virtuale allestita da Fondazione Sorrento utilizzando tre elementi: gli ambienti di Villa Fiorentino a testimonianza della vocazione culturale della struttura anche quando non è accessibile; l’energia artistica di Marcello Aversa mai doma ed ancor meno statica nell’ottica di quella missione alla quale si è dedicato: arte e territorio, un connubio che egli racconta perché merita di essere raccontato; l’applicazione della narrazione virtuale che consente di accedere ad una manifestazione stando seduti sul divano, nuovo modo di vivere l’arte attraverso la capacità professionale di Salvatore De Stefano.

mostra_digitale interattiva 1

mostra_digitale interattiva 3

Ai viaggiatori del web chiediamo di concedersi un attimo di serenità e di piacere con la visione della mostra ”vacciniamoci d’arte”.

mostra_realta_aumentatafb

Scrive Marcello Aversa (Presidente Peninsulart)

Che senso ha organizzare una mostra d’arte e d’artigianato in un tempo che, almeno all’apparenza, senso non ne ha?

Ciò mi ha fatto riflettere a lungo, prima di coinvolgere gli amici artigiani in questa nuova sfida.

Contattandoli, però, ho capito subito dalle loro reazioni, che ne sarebbe valsa la pena, percependo una “condivisione” che sembrava perduta.

Certo è inutile nasconderlo, questa è una sfida che potrebbe scoprire i fianchi a qualche strumentalizzazione.

Allora è cosa buona e giusta spiegare il perché di questo evento virtuale.

“CV 19 Contagiamoci d’arte” non vuole essere altro che un inno alla speranza, un “vaccino” di fiducia per affrontare il futuro.

Il Mondo intero ė stato messo in ginocchio da un esercito invisibile che ci ha resi inermi, impauriti, avviliti, costringendoci ad una clausura forzata, che sembra averci tolto il gusto della vita.

Questo è accaduto anche alla nostra Terra che fino ad ora ci appariva come un’ oasi felice, lontana da quelle problematiche sociali, che in fondo tanto lontane non sono mai state.

Tutti siamo in ginocchio, tutti aspettiamo la “ripresa”, addirittura c’è qualcuno che si auspica un secondo “Rinascimento”.

Noi in questa rinascita, non solo vogliamo crederci, ma siamo pronti a donare il nostro contributo.

Noi artigiani, noi artisti, che già annaspavamo nel tenere “vive” le nostre botteghe, non vogliamo assolutamente tirarci indietro, anzi con umiltà, vogliamo, timidamente, anticipare tutto questo, facendo sentire la nostra presenza sul territorio.

Siamo qui con il poco coraggio ancora rimasto ma sfoderando la passione che ancora ci “accende”.

Noi siamo qui, grazie alla preziosa collaborazione e alla sensibilità dell’avvocato Milano, amministratore delegato della Fondazione Sorrento, aspettando da voi un segno, un commento, un incitamento, una qualsiasi cosa che ci faccia sentire ancora in vita.

Da parte nostra la promessa che metteremo in campo il meglio di noi stessi, le nostre menti, la nostra inventiva, la nostra solidarietà ma, all’occorrenza anche le nostre braccia, affinché la nostra Terra Sorrentina ritorni a splendere come prima, anzi, più di prima”.

, ,

Commenti disabilitati