satodà_masck

A 10 anni dal lancio della prima piattaforma web per artigiani italiani, Madeinitalyfor.me prepara il nuovo Marketplace ed una grande offerta

Questo articolo è un po’ più lungo del solito, se preferisci, ascoltalo cliccando play qui sotto – (durata 8 min e 38 sec)

Se l’Italia è tra i paesi europei più arretrati nella trasformazione digitale delle proprie imprese, l’artigianato italiano rappresenta il settore che più di ogni altro è rimasto in dietro su questo tema. Sebbene infatti, in questi ultimi 10 anni, abbiamo assistito ad una corsa all’ammodernamento delle aziende, in funzione delle nuove tecnologie, tale impegno non è stato sufficiente ad allinearci agli altri paesi ed ancor peggio, nella maggioranza dei casi, non ha portato agli esiti sperati.

Facendo un’analisi più approfondita inoltre, notiamo come questa trasformazione, ha avuto un migliore impatto sulle imprese grandi e ben strutturate mentre ha visto notevoli problematiche nelle strategie attuate dalle micro imprese che però, in Italia, costituiscono il principale substrato economico del Paese più che in molte altre nazioni.

Detto in maniera semplice e chiara, le aziende più grandi hanno avuto maggior supporto di competenze e risorse per attuare dei cambiamenti radicali nell’organizzazione dell’impresa, rispetto alle piccole attività, prevalentemente a gestione familiare o comunque da 1 a 3 dipendenti, alle quali sono mancati gli strumenti per comprendere ed attuare un piano d’azione utile, concreto e funzionale. Sono mancati infatti 3 aspetti fondamentali: le giuste informazioni sulle modalità di cambiamento, le giuste risorse/competenze per attuarle e non da meno le risorse economiche per far fronte a tutte le spese che la trasformazione digitale comporta.

trasformazione digitale artigianato

Tra le aziende più piccole, purtroppo, è passato il concetto sbagliato e spesso controproducente che utilizzare strumenti digitali potesse portare grandi benefici, in tempi rapidi ed a costi limitati. In questo, l’esempio più comune è quello della bottega artigiana che ha inserito nel proprio business un e-commerce ed ha creduto che promuovendolo attraverso contenuti sui social network e strumenti di promozione online a pagamento, potesse potenziare in modo esponenziale il proprio business. La verità è che l’inserimento di tecnologie digitali in azienda che siano di misurazione, automatizzazione, commercializzazione o promozione, non rappresenta il cambiamento dell’impresa che piuttosto, per sussistere, ha necessità di una nuova “anima” digitale, ossia di ridefinire ruoli, gestione del lavoro, competenze e offerte al pubblico, in funzione di obbiettivi ed esigenze ben precise.

Quindi cosa vuol dire un'”anima digitale”? Bhe semplice, vuol dire cambiare le modalità con le quali si lavora, dalla gestione dei ruoli, fino alla realizzazione di nuovi prodotti/servizi. Significa che non sono l’e-commerce, la stampa 3D, la BlockChain o altri strumenti digitali a fare la differenza ma la capacità dell’azienda di assecondare le nuove richieste e le dinamiche di un mercato sempre più connesso e digitale.

Un artigiano che voglia realmente costruire una solida realtà, in questa economia sempre più digitale e globalizzata, deve quindi obbligatoriamente ripensare la propria attività, costruire una nuova modalità di gestione dell’azienda e fare i giusti investimenti nelle persone o con le aziende con le quali dovrà collaborare, ancor prima di valutare l’utilizzo di un qual si voglia strumento digitale. Si parte dagli obbiettivi per capire con chi si possono portare a termine, in quale modalità e con quali strumenti. Questa è l’unica strada che permette di affacciarsi ad un pubblico molto più esteso di quello del paesino in cui è allocata l’azienda che oltre ad essere ovviamente più numeroso, sarà magari anche più propenso a spendere per articoli unici è ricercati come quelli che propone l’eccellenza del made in Italy artigiano.

Vendere-artigianato-online madeinitaly

Viene da se che vendere esclusivamente nella piccola città di provincia o rivolgersi a tutta una nazione è ben differente, quello che invece sfugge spesso è che la proposta al cliente non potrà essere la stessa. Chi compra on-line infatti avrà una più ampia disponibilità di scelta, di confronto e d’informazione sul prodotto e non sarà il venditore a fare la differenza e coinvolgere il cliente in negozio ma piuttosto l’offerta di servizi, la sicurezza dei dati, l’assistenza, i tempi di consegna e tutti quei plus che una attività offre rispetto alla concorrenza, per distinguersi sul mercato. Non sarà quindi nemmeno il prezzo, il principale parametro di scelta ma un insieme di fattori tra i quali, ad esempio, la possibilità di personalizzazione del prodotto, aspetto che chiaramente, un artigiano, al di la dello strumento software, non potrà offrire se non si organizza per farlo.

Ed è così, proprio per fronteggiare le difficoltà di questo nuovo paradigma organizzativo che nel 2012 nacque Madeinitalyfor.me che si proponeva e tuttora si propone di affiancare le micro realtà artigiane con un apporto di competenze, formazione e strumenti aggregati in un solo canale, per dare anche ai più piccoli la possibilità di giovare di un mercato ben più vasto di quello locale del negozio fisico rendendo possibile un approccio pronto e corrispondente alla richiesta di un mercato più esteso e globale.

In questi 10 anni di attività al servizio delle eccellenze italiane, abbiamo così raggiunto tantissimi traguardi meravigliosi; primi in Italia a lanciare questa tipologia di servizio, infatti, abbiamo gestito più di 250 aziende artigiane e venduto artigianato italiano in tantissimi paesi Europei e di tutto il Mondo (Prevalentemente Europa e Stati Uniti); siamo divenuti “rappresentanti digitali” del settore artistico abruzzese con una partnership diretta dell’Ente Mostra Artigianato Artistico Abruzzese che porta online più di 100 realtà d’eccellenza regionali, fino a collaborare con Amazon per una ancor più forte impatto sul pubblico attraverso i canali specifici di Amazon Made in Italy.

AV_01

Certo non è stata un’esperienza tutta rose e fiori, scontrarsi con chi inizialmente non comprendeva perchè dovesse pagare per far vedere i propri articoli o più semplicemente per ricevere un pagamento on-line, non è stato facile. Così come non è stato facile ricevere le informazioni, immagini e quanto necessario alla vendita di un articolo da chi non aveva nemmeno un PC, comunicava in dialetto o più semplicemente non sapeva inviare una e-mail. Ci sono voluti 10 anni, il coinvolgimento delle tante associazioni di categoria, il supporto della politica con incentivi e purtroppo tragedie come la pandemia, per arrivare ad una consapevolezza della situazione che oggi ci lascia ben sperare di aver raggiunto la maturità necessaria al cambiamento.

Ora con un grande bagaglio di esperienza ed un’organizzazione che ci permette di gestire al meglio le specifiche dinamiche di ogni artigiano, noi di Madeinitalyfor.me vogliamo dar vita ad una nuova stagione per le botteghe italiane. Il progetto è già partito e contiamo di essere on-line nel mese di Maggio 2022 per portare una nuova ventata di respiro in questo bellissimo mondo dell’arte creativa italiana sempre più in difficoltà.

Come è stato in questi anni, ci poniamo come partner e supporto per le aziende artigiane, fornendo servizi di formazione, consulenza, divulgazione, promozione, vendita e trasporto di artigianato italiano nel mondo, attraverso un nuovo portale Marketplace, realizzato con software di ultima tecnologia che vestirà una nuova grafica, offrirà maggiore sicurezza dei dati, una più semplice fruizione e personalizzazione dei prodotti, affacciandosi ad un primo coinvolgimento della tecnologia BlockChain ed NFT per avvicinare l’artigianato artistico al mondo dell’arte digitale.

madeinitalyfor.me_hh

Tutto nuovo quindi, dal logo fino alla proposta degli articoli dei nostri artigiani che sarà ulteriormente selezionata per arrivare ad esporre i prodotti più conformi all’attenzione del mercato che, fortunatamente, è tutt’oggi ricco di amanti del bello e ben fatto in Italia. Grazie ai tanti dati raccolti ed al potenziamento del canale B2b attraverso un accesso diretto a negozi e aziende, supporteremo meglio anche la vendita B2b sviluppando insieme agli artigiani delle proposte all’ingrosso a quantitativi minimi che possano attirare anche un mercato aziendale.

Sperando di avervi reso un po’ più consapevoli sul nostro lavoro e sulle proposte future, siamo lieti di annunciare un periodo di super promozione per quelle attività artigianali italiane d’eccellenza che vorranno partecipare alla nuova piattaforma. Proponiamo infatti, attraverso 3 proposte imperdibili, un servizio su misura per accompagnare ogni attività artigianale, artistica o di design, nel modo più appropriato ed adatto alle esigenze specifiche; certi di offrire un servizio utile e funzionale, capace di portare un supporto concreto ed efficiente.

Per maggiori informazioni sulle offerte in atto, contattaci, riceverai una consulenza gratuita attraverso la quale capire insieme quali risultati sarà possibile ottenere, in quali tempi e attraverso quali strategie. Non ti proponiamo un semplice servizio ma saremo il tuo nuovo partner aziendale con il quale costruire, insieme, il futuro della tua attività!

Se quanto scritto sopra ti ha incuriosito e potrebbe essere quello che serve alla tua bottega/laboratorio, il nostro consiglio è di non esitare a contattarci, la nostra disponibilità di collaborazioni non è illimitata e le nostre offerte, per il lancio della nuova piattaforma, si concluderanno a giugno, per un totale di 150 artisti, artigiani o designer partecipanti. In molti hanno già aderito ed i posti rimanenti non sono poi così tanti … Contattaci subito!

homi-2019-made-e1558438599995

,

Commenti disabilitati