slide-adriano-concas

Adriano Concas, la vera passione vince sempre

L’artigianato sardo è fonte di numerose eccellenze che di volta in volta scopriamo e che ci affascinano tanto quanto la tradizione del passato che emanano. Sì perché la Sardegna è terra colma di antiche tradizioni e valori che possiamo ancora oggi ritrovare grazie ai numerosi artigiani che la popolano, che con passione e voglia di tramandare ci fanno dono di creazioni realizzate a mano, meraviglie che solo il saper fare artigianale riesce a creare.

Parliamo in questo articolo di uno dei nostri artigiani più affezionati: Adriano Concas.
Adriano ha la sua bottega a Villaputzu, in provincia di Cagliari. Nella sua bellissima Sardegna si occupa della lavorazione del rame a tutti gli effetti. Il rame risulta essere un elemento malleabile e adattabile a creazioni che risultano molto utili nel quotidiano, ma anche elemento particolarissimo per la creazione di oggetti decorativi e artistici. Il rame è senza dubbio il metallo che l’uomo lavora da più tempo, considerando che sono stati ritrovati oggetti di rame provenienti dal 8.700 a.C e la sua lega ha dato il nome ad uno dei periodi storici: l’età del bronzo.

Adriano apre la sua bottega nel 2011 dopo 35 anni di carriera come impiantista, il rame quindi è un materiale che già conosceva molto bene e, con il passare degli anni, ne rimaneva sempre più affascinato grazie alla malleabilità e alle colorazioni che esso guadagnava con il processo di fiammatura. Spinto da questi stimoli, Adriano ha iniziato così nel 2011 a realizzare qualche creazione in rame e, vedendo che gli donava diverse soddisfazioni, ha preso coraggio e, con tanta caparbia e voglia di fare, ha aperto un suo laboratorio, divenendo ora questa la sua professione principale. Adriano si è buttato a capofitto nella sua attività che conta oggi molte spedizioni dei suoi oggetti in tutta Europa e ora ha ottenuto pure un contatto che gli permette di vendere i suoi oggetti in America. Di tutto questo Adriano – giustamente – è molto fiero, considerando che ha avuto molto coraggio a cambiare lavoro e ad iniziare da solo un’attività completamente da autodidatta.

La sua attività si concentra sulla continua ricerca di antichi utensili appartenenti alla cultura della cucina sarda, che poi riproduce fedelmente secondo le antiche tradizioni, senza mai dimenticarsi dei moderni design che sono presenti della cultura odierna. Adriano crea per la cucina, oltre ai tegami e le teglie in rame, anche utensili per l’intaglio e la decorazione della pasta fresca per dolci tradizionali e pane cerimoniale, che prima si lavorava per decorarlo per giorni speciali come i giorni festivi o ad esempio i matrimoni. Adriano risulta essere uno dei pochi artigiani in Italia a creare ancora oggi questo tipo di utensili della tradizione.

Ecco un video che mostra la creazione del tegame “Su Prattu De Cassa” (Piatto di caccia) che riproduce un antichissimo tegame formato da due piatti sovrapposti ad incastro. Questo tegame viene realizzato con lamiera, tubo di rame e stagno, l’ultimo è un’aggiunta intuitiva da parte di Adriano, in quanto lo stagno crea uno strato di protezione tra la lamiera di rame e l’acido della pietanza che deriva da ciò che si cucina. Il tegame viene poi battuto a mano e stagnato a fuoco. Adatto principalmente per cucinare la cacciagione a fuoco lento, ma anche ideale per pesce e verdure.

Oltre le idee per facilitare i modi di cucinare, Adriano propone nella sua ricca produzione anche sculture, lampade e lampadari di cui abbiamo una vasta selezione sul nostro portale. Per i complementi d’arrendo Adriano ci spiega il procedimento di lavorazione che risale a tempi antichi e ancora oggi avviene attraverso queste fasi: battitura lamiera, forgiatura, piegatura e, a differenza degli utensili da cucina, qui ha aggiunto la fase della verniciatura, perché se il rame rimane in contatto con l’ossigeno cambia e diventa nero, quindi per evitare l’ossidazione Adriano lo protegge con una pellicola.

Adriano partecipa durante l’anno a molte fiere, festival e manifestazioni, ricordiamo tra le altre:
– la Fiera di Natale di Cagliari, fiera che ha trovato molto interessante in cui ha esposto i suoi lavori
– il Festival di Scirarindi a Cagliari che si svolge a novembre, in cui si commercializzano prodotti etici e biologici, argomento a cui Adriano tiene molto.
– la Fiera dell’Artigianato artistico della Sardegna che si svolge a Mogoro (OR) che ogni anno diventa sempre più importante e visitata e che ha donato ad Adriano molta soddisfazione.
La peculiarità del nostro artigiano è che lui non solo espone a queste fiere i suoi prodotti, bensì mostra la sua passione lavorandoli sotto gli occhi di tutti, per far vedere come essi nascono e come vengono creati.

La sua attività ha anche un obiettivo nobile ovvero far conoscere la bellezza dei lavori manuali alle nuove generazioni, evitando che questo antico mestiere vada perduto, continuando così a tramandare questo mestiere manuale, uno dei più antichi mai esistiti. Adriano si impegna molto per questo e infatti ha proposto al comprensorio didattico della sua zona un laboratorio per i ragazzi, per fargli conoscere la bellezza dei lavori manuali e tramandargli la tradizione; laboratorio manuale che ci auguriamo partirà già con l’anno nuovo.

* Si ringrazia Massimo Loi – MondoSardegna.it – per foto e video / A.Concas

MadeinItalyfor.me Site:
Home // e-Shop

,

Commenti disabilitati