Roberto Casati Design

logo_artigiano

di Roberto Casati

un eclettico creativo capace di amalgamare l’Arte, il Design e l’artigianalità. Nato a Firenze nel 1952, Roberto, inizia la sua carriera negli anni ’70, nella prestigiosa azienda fiorentina Guccio Gucci, dove matura profonde esperienze nell’organizzazione della produzione e nel design. Così, negli anni ‘80 gli viene offerta la possibilità di collaborare, in maniera indipendente, con numerose case di moda e cosmetica, fra le quali: Helena Rubinstein, Laura Biagiotti Parfum, Renato Balestra Parfum, Gabriela Sabatini, Van Cleef & Harpels Parfum, Intimo3.

Anni che Roberto ricorda sempre con estremo piacere perché gli hanno permesso di ampliare le sue conoscenze su tanti aspetti tecnici e tantissime realtà artigianali: ceramisti, cesellatori, pellettieri, sarti, grafici-stampatori, falegnami, fabbri, tessili e profumieri. Sempre seguendo quel suo filo-principio Rinascimentale che porta a costruire ogni oggetto “con le mani e con la mente”.

Con questa sua visione, Roberto, ha sempre cercato di creare sinergiche cooperazioni fra differenti artigiani, al fine di fare collaborare i “mestieri” con le numerose eccellenze del territorio e realizzare nuovi affascinanti oggetti artigianali dal design post-moderno.

Le opere di Roberto sono, al tempo stesso, un’invenzione riconosciuta ed il design di un uovo futuristico (Atargatis e Kos, ad esempio); il primo mattone cilindrico per provocarne l’utilizzo nel campo dell’arte e dell’arredamento (Modul’Art e Pankina); una casa modulare a forma di uovo come un primo seme della genesi (Kasauovo); piramidi triangolari e sensuali profumi rinascimentali dedicati all’Amore (Pyramid e Love in Florence); poesie e quadri grafici. Sempre unendo, con un filo di leggenda, le forme armoniche, i colori sensuali, il design post-moderno e l’artigianato.

Oggi, dopo tanti anni di successi, attività, progetti, collaborazioni e idee realizzate, Roberto ha deciso di raccogliere tutto il lavoro di una vita, in un unico canale web. Un spazio virtuale in cui esporre tutti gli articoli 100% made in Italy, da lui ideati e realizzati da maestri artigiani, accuratamente selezionati a seconda del progetto. Fra questi, Ali Alabastri di Volterra (una delle più antiche botteghe artigiane di Volterra), con la quale ha realizzato la scultura luminosa Pyramid – Love in FlkorenceNuove Forme Firenze (decine di anni di alta ceramica), con la quale ha realizzato la lampada Kos.

Roberto Casati Design è oggi in grado di offrire affascinanti soluzioni di Alto Artigianato 100% Italiano, Eccellenze del territorio e Design post moderno nei campi dell’arredamento e degli accessori per la persona.

Scopri tutte le collaborazioni di Robero Casati Design

Prime esperienze alla Guccio Gucci degli anni ‘70

Negli anni ‘80 collabora con numerose case di moda e cosmetica, fra le quali:
Helena Rubinstein, Laura Biagiotti Parfum, Renato Balestra Parfum, Gabriela Sabatini, Van Cleef & Harpels Parfum, Intimo3.

Negli anni ‘90, con la Lloving Srl, realizza varie collezioni moda, presentate al Centro Pecci di Prato, al Kobe di Osaka ed a Francoforte (Germania).

Nel 2000 inventa il servizio T-Serve (brevetto Uibm n. 0000258458).
Nel 2001 il Ministro Bassanini premia il servizio e gli inventori.

Nel 2005-2006 il Comune di Portovenere (SP) lo incarica dello studio per il rilancio del prestigioso Borgo Ligure, con il progetto:
Portovenere, unicità a disposizione dell’umanità (Determina n°144/2004).

Fra il 2000 ed il 2012 collabora con il Comune di Prato per lo sviluppo e la gestione di vari servizi innovativi.

Nel 2010 progetta e realizza Kasauovo, la prima casa modulare a forma di uovo al mondo (brevetto Uibm 0000273473). Kasauovo viene presentata al Trentennale della Collezione Giuliano Gori, assieme alle opere di Robert Morris e Alessandro Mendini. Mentre Kasuovo-Kabinart, un modulo di dimensioni ridotte per erogare servizi nelle città del futuro, viene presentato a Firenze nel 2016.

Nel 2012 disegna e realizza la poltrona a forma di uovo Atargatis: brevetto Uibm 0000099886 e WIPO (World Intellectual Property Organization) DM /081 867. La poltrona viene presentata dalla CCIAA di Milano ai Tavoli Expò 2015 e: al Centro Pecci, al Museo Civico di Bratislavia, al Museo Civico di Sofia, a Villa Medici di Artimino, a Forte dei Marmi, al Piazzale Michelangelo di Firenze.

Nel 2014 idea i mattoni cilindrici ModulArt (brevetto Uibm 000281970), presentati in diretta su RAI 2 (i Fatti Vostri). Il progetto viene sviluppato anche nell’ambito dell’arredo cittadino: nel 2016 ModulArt-PANKINA viene utilizzato come simbolo del Firenze Design (https://www.youtube.com/watch?v=vMjh-6E7lkQ) Mentre ModulArt-BidonArt, opera artistica realizzata con bidoni di recupero assieme ad altri artisti ed all’Archivio Carlo Palli è stata acquisita dalla collezione del MART di Rovereto.

Nel 2018 scrive il libro L’Ultimo Istante, in collaborazione con il Liceo Artistico Petrocchi di Pistoia e numerosi Enti, Associazioni e familiari (https://youtu.be/eo6nnC-z9ec). Un libro-progetto che è forte grido di allarme sulle morti della strada. Un progetto di volontariato sociale che è stato presentato in oltre 40, fra Comuni, Scuole, Gallerie, Associazioni, Biblioteche di tutta Italia. Il progetto è stato premiato alla Biennale di tutte le Arti, Firenze, Palazzo Vecchio Salone dei 500 ed alla giornata Mondiale Poesia, Roma, Cappella Orsini.

Nel 2019 collabora con Liceo Petrocchi al 100%, il Centenario della Fondazione del Liceo, con 3 opere sul tema: affacciati alla finestra amore mio. In omaggio a Aurelio Amendola ed in ricordo a Enrico Coveri.

Nel 2019 realizza il progetto Pyramid (una scultura con illuminazione e capsula di profumo, brevetto Uibm 0004668.08-01-2019) e Love in.. una serie di fragranze dedicate alle più belle città del mondo. Le prime tre vengono presentate al Museo Ugo Guidi (Love in Forte dei Marmi), alla gioielleria Gaia Piccini – Pontevecchio (Love in Florence) e in piazza dei Priori a Volterra (Love in Volterra) https://youtu.be/ZemR-vAwV2I .

Nel 2019, in collaborazione con l’Archivio Carlo Palli, dona all’Ospedale Santo Stefano di Prato il polittico Le Guerre dei Rugi (collocato all’ingresso principale).

Via Spicciano, Vaiano (PO) Contatta Artigiano