mobile pay

Sperimentazione della tecnologia NFC per micro pagamenti

Se è vero che in Italia le carte di credito sono meno diffuse rispetto ad altri paesi, è altrettanto vero che nel nostro Paese gli smartphone hanno un tasso di utilizzo altissimo.

Partendo da questa considerazione dell’AD e Direttore Generale, Massimo Doris, Banca Mediolanum, in collaborazione con Vodafone, Mastercard, Carta SI, SLa, presenta per la prima volta in Italia una sperimentazione fatta sul campo, con l’avanzatissima tecnologia NFC, destinata a segnare la svolta di una nuova era di consumo.

NFC Near Field Communication è una tecnologia che permette di far comunicare apparecchi diversi semplicemente avvicinandoli tra di loro a pochi centimetri.

Trattandosi di una comunicazione bidirezionale è quindi possibile scambiare informazioni tra uno smartphone e un POS, entrambi equipaggiati con questa stessa tecnologia contactless.

In Italia i terminali POS abilitati a ricevere pagamenti contactless si stanno diffondendo rapidamente; sono sempre di più gli esercenti piccoli e grandi che dispongono di un POS con tecnologia NFC: dai grandi supermercati alle catene di ristorazione e fast food, ma anche negozi di abbigliamento, articoli sportivi e taxi delle grandi città.

Il sistema, destinato a facilitare la vita quotidiana di ognuno di noi e a sostituire contanti e carta di credito, funziona in modo semplicissimo, basta avvicinare lo smartphone ai POS specifici, invece di usare la carta.

Testimonial d’eccezione della sperimentazione, Marco Zamperini (aka FunkyProfessor, blogger, Technology Evangelist, CIO presso NTT DATA Italia) e Arianna Chieli (giornalista, blogger, direttore artistico di FashionCamp)  hanno trascorso un’intera giornata senza portafogli, dotati solo di uno smartphone.

Ecco il video della loro curiosa esperienza:
Vivere un giorno a Milano senza portafogli

Banca Mediolanum, insieme a CartaSI, Vodafone, SIA e Mastercard, ha voluto effettuare una sperimentazione che andasse oltre i semplici test di funzionamento tecnico: un approccio scientifico e una community di 60 tester sul campo per provare il futuro e “mettere alla frusta” questa tecnologia. Il risultato è una esperienza significativa sulla usabilità, diffusione e accettazione di questo sistema, frutto di 800 pagamenti effettuati in oltre 200 punti vendita, alcuni anche all’estero.

I tester hanno ricevuto un kit composto da un Samsung GalaxyS3, una SIM Vodafone NFC, un’app dedicata e un conto corrente di appoggio. Il pagamento è semplicissimo: è sufficiente lanciare l’applicazione dedicata, attendere che l’esercente indichi l’importo sul POS, abilitare il pagamento e avvicinare lo smartphone al terminale. In pochi istanti un segnale sonoro avvisa dell’avvenuto pagamento, seguito dallo scontrino.

60 tester, in un mese, hanno effettuato circa 800 transazioni, 600 delle quali andate a buon fine, in circa 200 esercizi commerciali (a Milano e provincia, alcune altre città italiane e all’estero) soltanto dotati di uno smartphone NFC Samsung Galaxy S III, una SIM dedicata, un conto carta d’appoggio.

Risultati test e questionario          Il mobile Payment

Fonte: www.mobilesurvive.it

, , ,

Commenti disabilitati