pesci -fontana Nino Ventura foto Fabio Rinaldi v

Nino Ventura innaugura il suo nuovo ShowRoom a Verbania

Sarà inaugurato l’8 dicembre 2016 il nuovo showroom di Nino Ventura a Verbania sul lago Maggiore; la galleria con le opere dell’artista italiano, sarà aperta a Intra, in p.zza Castello n.27 (zona pedonale).

Nino Ventura ha collaborato e collabora con molte gallerie italiane e straniere ma, in questo caso, il fascino della bella città piemontese l’ha convinto ad aprire questa vetrina sul Lago Maggiore.

Costruttori di Templi

In realtà, la decisione da parte dello staff di Ventura deriva dalla considerazione che Verbania ha, in questo momento, delle notevoli potenzialità turistico culturali ed è in grado di attirare un pubblico internazionale, attento alla varietà e alla qualità dell’offerta.

Una scommessa per l’artista che ha il suo studio a Chivasso (TO) ma anche un contributo per lo sviluppo delle potenzialità di una città che ha investito molto in strutture culturali come l’imponente progetto “Stones” dell’architetto madrileno Salvador Perez Arroyo recentemente inaugurato sulla rive del lago.

Esercito Picco Pesce 2

Le tre grandi vetrine saranno allestite per permettere una visione completa delle opere esposte e sarà possibile organizzare visite su appuntamento contattando i numeri telefonici riportati sulle vetrofanie della galleria.

In occasione dell’inaugurazione Nino Ventura sarà presente nello Show Room dall’8 all’11 dicembre dalle ore 9 alle 12 e dalle ore 15 alle 18.

Scopri di più su Nino Ventura clicca QUI

Nino Ventura è nato ad Acireale (CT) il 2 gennaio del 1959, vive e lavora a Chivasso (TO).

La sua attività artistica, dal 1979 ad oggi, si è sviluppata attraverso l’utilizzo di mezzi espressivi diversi: teatro, cinema, televisione, scultura.

Nel 1988 scrive e dirige il video Malati, selezionato per l’Italia, al 39° Internationale Filmfestspiele – Video Fest 1989 di Berlino.

Dal 1991 sviluppa un lavoro di ricerca sulle molteplici possibilità interpretative di un’unica forma che lo porta nel campo delle arti plastiche e della scultura.

Nel 1998 vince la XIII edizione del Premio Italia per le Arti Visive – sezione scultura.

Dal 1994 le sue opere sono state esposte in diverse città tra cui Torino, Milano, Nizza, New York, Firenze, San Francisco, Saragozza, Barcellona, Montecarlo, Roma, Parigi, Bilbao, Madrid, Gent e sono presenti in diverse collezioni pubbliche e private.

Nel 2002 la sua opera “Angeli- Evoluzione della Specie” , una serie di 12 grandi sculture in terracotta (oltre 2 mt. di altezza), è entrata a far parte della collezione del Museo de los Angeles – Arte Contemporanea di Lucia Bosè a Turegano – Segovia (Spagna).

Nel 2006 il Centro Culturale “Tomás y Valiente” di Fuenlabrada (Madrid) ospita la sua mostra «Pressioni», in parallelo con quella dedicata a Joan Miró: «Las maravillas».

Sempre nel 2006 realizza tre grandi Arcangeli in terracotta e bronzo, Gabriele, Raffaele e Michele, che vengono esposti a Castel Sant’Angelo a Roma, nell’ambito del progetto “Angeli e Angeli”.

Tra il 2009  e il 2010 realizza a Fuenlabrada (Madrid) l’opera  “Liquidas convergencias” una fontana monumentale di 28 metri con 18 pesci in bronzo e 72 piastre in vetrofusione ( catalogo Umberto Allemandi editore).

Nell’aprile del 2011 è invitato dal Direttore del Padiglione Italia, Vittorio Sgarbi, a partecipare alla 54ma Biennale di Venezia – Padiglione Piemonte.

Nel 2012 realizza, in vetro fusione,  per i club nautici di Ravenna, Cattolica e Ancona,  il  Trofeo Adriatic International Sportfishing Tournament.

Nel 2014 la Città di Castellamonte (TO) gli conferisce la cittadinanza onoraria per i meriti artistici, dopo Umberto Mastroianni, Arnaldo Pomodoro e Ugo Nespolo.

Partecipa con mostre personali,  su segnalazione della Fyr Navan Global Group Firenze – Shanghai,   al progetto  Artour_o  – Il Must che si svolge a Merida (Spagna) nel 2014, a Firenze  e Praga nel 2015.

Nel 2016 il Lions Club Savona Torretta gli affida la XXXIII edizione del “Piatto dell’Estate” dopo Lele Luzzati, Ernesto Treccani, Enrico Bay, Carlos Carlè, Sandro Lorenzini ed Ugo Nespolo.

Le tre muse di Nino Ventura - particolare

,

Commenti disabilitati