300statiuniexport

Made in Italy: Stati Uniti locomotiva dell’export

L’Istat registra un bilancio complessivamente positivo per quanto riguarda il commercio estero. A luglio crescita extra-Ue del 9,5% mentre le importazioni rallentano. Gli Stati Uniti restano la locomotiva ell’export.

Secondo l’Istat, l’export cresce su base tendenziale del 9,5%, in linea con quanto realizzato dall’inizio dell’anno, mentre su base congiunturale l’export extra-Ue si riduce dello 0,3%. Carburante fondamentale, quello dei paesi al di fuori dell’Europa, perchè nel Vecchio Continente la crisi dei debiti sovrani ha creato problemi a pioggia affondando i consumi interni e anche le nostre esportazioni negli ultimi mesi ne hanno risentito.

L’infografica mostra l’andamento generale dell’export:

 

Stati Uniti, traino dell’export Made in Italy Se in termini percentuali è l’Africa Settentrionale la star, dal punto di vista dei valori assoluti sono ancora una volta gli Stati Uniti il traino principale delle nostre vendite. Già nel trimestre marzo – maggio 2012 gli Stati Uniti erano in pole position tra le rotte del Made in Italy. A luglio la crescita sfiora il 22%, dall’inizio dell’anno è di poco inferiore, garantendo un saldo commerciale attivo per oltre otto miliardi, il top tra tutte le aree geografiche e vendite aggiuntive per 2,5 miliardi rispetto allo stesso periodo 2011.

La crescita per settori e il traino di Washington

La crescita riguarda più settori, dall’alimentare ai macchinari, dall’industria meccanica alla componentistica.  Per il polo aerospaziale umbro, spiega il presidente Renato Cesca, gli Stati Uniti valgono 150 milioni di vendite annue, quasi il 40% dei ricavi. In forte crescita su base tendenziale anche Turchia e Brasile, mentre il resto dei Brics resta in rosso: le vendite in Cina arretrano per il settimo mese consecutivo e il calo dall’inizio dell’anno è pari al 12,4%. Scenario analogo per l’India, dove l’arretramento in sette mesi è di oltre dieci punti percentuali.

Da Impresa & territori de Il Sole 24 Ore di venerdì 7 settembre 2012 Stati Uniti locomotiva dell’export

fonte: opendatablog.ilsole24ore.com

, ,

Commenti disabilitati