Intrecci urbani, Genova dal 21 marzo al 1 Aprile 2013. Yarn-bombing street art all’uncinetto

Yarn-bombing è approdato in Italia in varie forme con iniziative a carattere pubblico e varie opere di singoli artisti. Una street art nata negli USA, in Texas, nel 2005.

La caratteristica principale, da sottolineare maggiormente è che si tratta dell’arte delle antiche tecniche di lavoro a maglia. Yarn bombing, letteralmente “bombardamento di filati” è nata per dare colore alle grigie città si è diffusa in tutto il mondo. Si possono rivestire arredi urbani, statue, alberi e altro ancora che diventano manufatti artistici e, oltre ad abbellire, danno ai luoghi in cui sono installati un aspetto giocoso e colorato.

Prima in Italia e Genova, dove si è organizzato un progetto, che costituisce un anteprima assoluta, un’iniziativa innovativa di grande partecipazione e un evento artistico di rilevanza nazionale. L’idea nasce nell’ambito di un progetto di servizio civile nazionale con l’obiettivo di sviluppare relazioni tra le generazioni, in particolare tra giovani e anziani. Il Comune di Genova, infatti, in collaborazione con il Porto Antico di Genova SpA e Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, propone la creazione di un grande evento di yarn bombing che culminerà con la realizzazione di una grande installazione collettiva esposta poi nell’area del Porto Antico di Genova.

Per la realizzazione del progetto, c’è stato un percorso di preparazione molto articolato che ha coinvolto un numero rilevante di associazioni, enti e singole persone, tutte appartenenti a categorie molto varie e trasversali che hanno lavorato insieme. Oltre ai giovani volontari di servizio civile sono coinvolti nel progetto più di 60 diversi soggetti del territorio che hanno attivato laboratori per la predisposizione dei manufatti e che vedono la partecipazione di svariate centinaia di persone di tutte le età. Concluso l’evento espositivo, l’installazione verrà smontata ed i manufatti recuperati dalle varie associazioni/gruppi di lavoro che li hanno prodotti ed esposti sul territorio.

Questo progetto, oltre gli aspetti scenografici, artistici e spettacolari, presenta una forte valenza sociale ed intende perseguire obiettivi importanti quali la coesione sociale, la socialità, l’intergenerazionalità, l’intercultura. La grande installazione di yarn bombing sarà visibile nell’area del Porto Antico dal 21 marzo al 1°aprile 2013 e, in contemporanea, sono previsti interventi artistici anche a Palazzo Ducale e Palazzo Tursi.

I manufatti danneggiati saranno utilizzati come coperte e distribuiti a senzatetto e strutture di ricovero per animali. L’iniziativa è  aperta a tutti coloro che vorranno partecipare secondo diverse modalità e livelli di coinvolgimento. Gli aspetti principali del progetto: la partecipazione di un grande numero di persone, l’intergenerazionalità, l’innovazione, la valorizzazione delle lavorazioni manuali, il recupero e il riciclo.

Nel palazzo Ducale troverete le installazioni di: Claudia Rordorf “Sciura Fedora” (Milano), Maria Carmela Milano (Roma), Liceo Artistico Paul Klee – N. Barabino classe 5^ I (Genova), Caterina Serrenti (Sassari) e visitabile dal 21 marzo al all’1 Aprile dalle ore 10:00 alle ore 19:00.
Organizzazione
Comune di Genova – Assessorato Cultura e Turismo – Ufficio Cultura e Città
Palazzo Ducale – Piazza Matteotti, 9 – 1° piano
Paola Barisione 010 5573973 paolabarisione@comune.genova.it
Rita Barisone    010 5574836 rbarisone@comune.genova.it
Gianna Caviglia 010 5573975 gcaviglia@comune.genova.it
Sara Parodi      010 5574835 saraparodi@comune.genova.it
Chiara Pirrone  010 5574837 cpirrone@comune.genova.it
Direzione artistica
Associazione artistica culturale colorInscena
Emanuela Pischedda  347 0123359 emanuela.pischedda@tin.it
instagram: #intrecciurbani

fonte: http://www.genovacreativa.it/iniziative/intrecci-urbani/evento#evento

, ,

Commenti disabilitati