basilicata.

Basilicata: festa dell’immacolata tra teatro, gastronomia e artigianato -7-8-9 Dic 2012

“Attrazioni fatate” è  il nome della manifestazione organizzata per il weekend dell’immacolata dalla Regione Basilicata, dal Programma Operativo Val d’Agri Melandro Sauro Camastra e dall’Apt, dove teatro, gastronomia e artigianato creeranno atmosfere ‘magiche’ nei borghi lucani di Aliano, Castelsaraceno e Sasso di Castalda.

“Attrazioni fatate”, informa la Regione Basilicata, e’ un modo diverso per presentare, sia alla stampa locale e nazionale sia ai cittadini, attraverso la forza delle immagini e dello spettacolo gli attrattori che, con i fondi delle royalty, saranno realizzati nei tre caratteristici paesi lucani. Il 7, l’8 e il 9 dicembre i borghi antichi di Aliano, Castelsaraceno e Sasso di Castalda si animeranno: le piazze soprattutto, e i vicoli, si trasformeranno in palcoscenici per descrivere gli interventi progettati e di prossima realizzazione. In ognuno dei tre centri storici in cinque angoli del paese saranno allestiti altrettanti spettacoli teatrali a cura de l’Albero – Tutti i rami della creativita’.

La Basilicata è una regione tutta da scoprire tra paesaggi e cultura, storia e natura, divertimento e benessere. La sua natura incontaminata la rende molto affascinante da visitare anche se non è valorizzata abbastanza come meta turistica. “Attrazioni fatate” è una manifestazione che aggiunge valore a questi borghi lucani meritevoli di essere visitati sia per il paesaggio che per la loro storia.

Ad Aliano i paesaggi lunari dei Calanchi sveleranno il loro fascino grazie a specifici percorsi, le vie del borgo si trasformeranno in scene teatrali. Arrampicato su un colle argilloso a 555 metri sul livello del mare questo borgo è famoso perchè Carlo Levi passò il suo confino ed è qui sepolto. Molto suggestionante il suo paesaggio dominato dalla val d’Agri e dal torrente Sauro.

Dalla magia dei calanchi agli scenari naturalistici di Castelsaraceno. Caratteristico l’orizzonte di Castelsaraceno si allarga solo a nord-est verso un’ampia ed irregolare vallata tra il Parco nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri-Lagonegrese e il Parco nazionale del Pollino. Qui il “Ponte tra i due parchi” consisterà in un ponte tibetano sulle Gole del Racanello. Lo spettacolo teatrale, con la partecipazione in una scena dell’attrice lucana Antonella Iallorenzo, oltre a presentare l’attrattore mostrerà sotto un’altra veste “il rito dell’andenna”, uno dei riti arborei della Basilicata per consacrare il matrimonio fra due alberi, propiziatorio di fertilità.

Sasso di Castalda è un paese adagiato a 949 m sulle asperità rocciose dell’ Appennino Lucano. Grazie al particolare paesaggio, caratterizzato da montagne, corsi d’acqua, ricca vegetazione e variegata fauna e flora, Sasso si presenta come uno dei paesi più incontaminati della Basilicata. Qui il percorso nel borgo permetterà di ammirare il fondale oceanico emerso che sarà valorizzato mediante l’attrattore “Sospesi sull’Arenazzo” e nelle tre serate in uno spettacolo ci sarà l’attore lucano Ulderico Pesce.

Non mancheranno i mercatini di Natale con stand enogastronomici in grado di far conoscere i prodotti tipici lucani e i manufatti dell’artigianato che da sempre contraddistinguono la Basilicata. Tra gli altri, esporranno le loro creazioni anche artigiani che hanno aderito all’esperienza di MANIfesta, un osservatorio dei mestieri d’arte che si sta realizzando in collaborazione con vari partner, tra cui la Cna lucana.

‘Attrazioni Fatate’ si inserisce, aggiunge la nota della regione Basilicata, in un progetto che ha l’obiettivo di integrare l’offerta turistica tradizionale, che trova i suoi elementi portanti nelle bellezze naturali, nella gastronomia mediterranea semplice ma ricca di sapori perduti e nelle tradizioni, con elementi d’interesse specifico che agendo sulle suggestioni e le emozioni forti, possano ampliare la sfera d’interesse verso la Basilicata.

“I tre attrattori sono parte di un progetto più ampio che punta alla realizzazione di un sistema turistico composto da macroattrattori e ‘prodotti faro’ complementari – ha aggiunto De Filippo – e  rappresentano un’occasione per il territorio. Altre esperienze simili hanno dimostrato che quando un attrattore funziona e richiama turismo, anche l’economia locale si rivitalizza. La manifestazione Attrazioni Fatate è un’opportunità se si inizia a comprendere che la presenza di un attrattore può essere effettivamente elemento di crescita a patto che le realtà sociali, economiche e produttive sappiano organizzarsi per far conoscere e apprezzare le tipicità e le bellezze dell’area. E in questo il Programma Operativo Val d’Agri prosegue sulla strada del sostegno alle piccole e medie imprese che caratterizzano questa parte del territorio.”

Il progetto, dal nome ‘Viaggio Avventuroso al centro della terra’, finanziato dal Programma operativo Val d’Agri, conclude la Regione Basilicata, il cui obiettivo principale e’ la definizione di un sistema locale di offerta turistica che esalti le peculiarita’ morfologiche, naturali e ambientali dell’area e le specificita’ territoriali. Nelle iniziative programmate rientrano la valorizzazione del sito archeologico di Grumentum, esempio unico in Basilicata di impianto urbano romano conservato pressoche’ integralmente, il Parco delle Energie e il Museo multisensoriale nel complesso di Santa Maria d’Orsoleo per un’immersione nella storia culturale e umana dei monaci bizantini”.

fonte: www.asca.it/newsregioni-Basilicata

, ,

Una Risposta a Basilicata: festa dell’immacolata tra teatro, gastronomia e artigianato -7-8-9 Dic 2012

  1. canapé pas cher 14 dicembre 2012 at 12:46 #

    Fantastic article. keep going!