nazzano-paesaggio

Il 20 marzo 2016 una giornata da passare a Nazzano

Domenica 20 marzo, dalle ore 10, per le vie del borgo di Nazzano vi aspetta una giornata all’insegna dell’artigianato e dei sapori e prodotti tipici del territorio.

Nazzano-inverno

Nel centro storico, infatti, vi attenderanno artigiani e produttori provenienti dalla Valle del Tevere e dalla Sabina con i loro manufatti e prodotti alimentari. In Piazza della Rocca, sotto al Castello, nella sala espositiva del Museo del Fiume, potrete visitare l’interessante mostra “UNA BORSA PER LA VITA, borse e cartelle di tutti i giorni e d’epoca”.

In località Casaletto, invece, potrete trovare i sapori proposti dalla Proloco con la XIII Sagra degli gnocchi e, percorrendo un comodo e breve tragitto, dal Casaletto al centro storico del paese, si potrà godere di una splendida vista del Tevere e della Riserva Tevere-Farfa.

Tra Saperi e Sapori artigianato a Nazzano

Comune di Nazzano

Il Comune di Nazzano si trova in una splendida posizione panoramica sulla Valle del Tevere su un promontorio roccioso a picco a una altitudine di 202 m s.l.m.

Nazzano-e-la-valle-del-Tevere

Questa dislocazione e il suo particolare assetto urbanistico ne fanno un piccolo capolavoro di architettura. Il territorio era abitato già in epoca preistorica, infatti, i primi reperti risalgono all’età del bronzo. Discendente dall’antica città capenate di Sepernas, che svolgeva ruolo di confine con l’agro falisco, di difesa del territorio capenate e di controllo della Valle del Tevere, Nazzano si specializzò molto nei traffici commerciali con la Sabina e con Roma, sfruttando il Tevere per gli spostamenti. L’esistenza di un guado e la presenza di un traghetto che collegava le due sponde del fiume, gli conferirono un’importanza sempre crescente.

Le tradizioni folcloristiche, l’artigianato, le bellezze naturali e le chiese di pregio artistico ed estetico sono gli elementi caratteristici della storia del paese.

Luoghi da visitare

Castello: la struttura risale al XIII secolo, di pianta quadrangolare, è caratterizzata da due imponenti torri in splendida posizione panoramica sulla valle del Tevere. È raggiungibile tramite un’unica strada che s’inerpica a spirale attraverso l’abitato, caratteristica questa che lo rende originale tra i castelli del Lazio. Appartenuto alla confraternita dei monaci di S. Paolo con continuità dal XVI secolo, oggi il castello è della società CESMIL (Centro Studi Medievale Lazio).

Chiesa di Sant’Antimo: eretta nel X secolo sui resti di un tempio al Dio Silvano, conserva nell’abside affreschi attribuiti ad Antoniazzo Romano.

Complesso di San Francesco: convento e Chiesa (XV secolo), immersi in un bosco secolare di lecci e querce, sono di proprietà privata e visitabili solo il giorno di S. Francesco (4 ottobre).

Porto di Nazzano: utilizzato un tempo dagli abitanti per il passaggio sull’altro lato del fiume e per il trasporto del grano.

Fonte: Tevere Arfa

Per Informazioni

Tra Sapori e Saperi
20 marzo – Nazzaro – Dalle ore 10.00

Il Sapere tra le mani
Associazione Culturale di Promozione Sociale

Cell: 342 3971583  ||  E-mail: ilsaperedellemani@liberi.it

Pagina Facebook: Il Sapere tra le mani

,

Commenti disabilitati