Evidenza

CrowdFest 2016, imparare ad usare i nuovi strumenti di CrowdFunding

Sembrerà strano ma il primo Paese a essersi dotato di una normativa specifica e organica, relativa alla regolamentazione dell’equity crowdfunding, è l’Italia. Il crowdfunding, spesso utilizzato per promuovere l’innovazione e il cambiamento sociale, di fatto abbatte le barriere tradizionali dell’investimento finanziario.

In poche parole è una tipologia di raccolta fondi, un processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro per sostenere gli sforzi di persone e/o organizzazioni. Ad oggi, esistono diverse tipologie, si parla di Crowdfunding per donazione, per ricompensa e civico, quando questo è legato a prodotti o a cause da sviluppare e di equity crowdfunding invece quando è legato all’imprenditoria, soprattutto innovativa, regolamentando l’ingresso di investitori direttamente attraverso quote dell’azienda.

Questa regolamentazione è avvenuta a seguito di un processo portato avanti in maniera collaborativa (“open e collaborative legislation”), in cui chiunque fosse stato interessato ha avuto modo di fornire i propri commenti e le proprie valutazioni ai testi offerti in pubblica consultazione. La spinta è derivata anche dall’osservazione che in Italia, le aziende, quelle prevalentemente di medio-piccole dimensioni, stanno incontrando molte difficoltà a reperire adeguate risorse finanziarie per il proprio sviluppo. Ciò avviene in maniera ancora più accentuata per le imprese costituite da poco (le “start-up”).

crowdfunding-tagcloud

start-up “innovative”D.L. 18 ottobre 2012, n. 179

Un particolare tipo di start-up, quelle “innovative” è stato introdotto nell’ordinamento dal Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179 (convertito con la legge di conversione 17 dicembre2012, n. 221) recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese” (noto anche come “Decreto crescita bis”) agli artt. 25-32.

In sintesi il Decreto crescita bis ha:

  • disciplinato la «start-up innovativa»;
  • introdotto nel Testo Unico della Finanza:
  • art.50 quinquies «gestione di portali per la raccolta di capitale per le start-up innovative»;
  • art.100 ter «offerte attraverso portali per la raccolta di capitali»;
  • delegato a Consob la disciplina applicabile alla gestione dei portali ed alle offerte per la raccolta di capitale.

Questo nuovo e bellissimo strumento,  usa il web come principale canale comunicativo, sfruttando al massimo il vantaggio dello stesso di raggiungere grandi visibilità, per raccontare e proporre un’idea, un progetto, una causa sociale. Se una volta rivolta la proposta a milioni di utenti, questa trova attenzione nel pubblico, sempre attraverso il web sarà possibile interagire direttamente ed in maniera istantanea con i donatori.

E’ possibile così essere parte, della progettazione, realizzazione e messa in vendita, di un nuovo articolo tecnologico che una volta sul mercato costerà molto di più o visto dalla parte dell’inventore, dell’artigiano o di chiunque voglia sviluppare una sua idea, la possibilità di testare ancor prima di partire l’interesse del pubblico e quando questo c’è, avere da subito i fondi per realizzare il primo stock di prodotti già venduti ..

Come sempre, non è tutto oro quello che luccica e coinvolgere grandi masse non è un lavoro per tutti. E’ fondamentale il progetto, certo, un’idea vincente è sicuramente la base per una buona raccolta fondi ma saperla raccontare, tradurre in più lingue i testi, arricchirlao con materiale multimediale, promuoverla su canali social e perchè no editoriali, investendo magari anche qualcosina per la sua promozione, non è sicuramente alla portata di tutti. Grazie a diversi portali web che si occupano di Crowdfunding, oggi, l’accesso e molto semplice ma è bene farsi sempre accompagnare in queste attività da persone esperte e competenti, in grado di poter offrire la giusta visibilità alla propria idea.

Per saperne di più, vi consigliamo dall’8 al 10 aprile il CrowdFest 2016 a Bologna, in Palazzo Isolani.

CrowdFest 2016 – Bologna 8-9-10 aprile

Crowdfest-1

Per chiunque fosse interessato al concetto di crowdfunding o volesse avere qualche informazione in più su di esso potrà partecipare al Crowdfest 2016, che si svolgerà a Bologna l’8-9-10 aprile 2016.

Crowdfest 2016 è un festival sperimentale incentrato sul tema del crowdfunding e della sua applicazione a progetti di design, salute, scuola, cinema, musica, civic, smart cities, food, gaming. Vuole essere un momento di aggregazione nazionale per lo scambio di esperienze sul tema, per provare a far nascere collaborazioni future tra gli addetti ai lavori e l’incontro tra gli esperti italiani e internazionali con il pubblico.

Un luogo, dove promuovere il crowdfunding come mezzo sostenibile per la crescita economica e lo sviluppo delle nuove imprese, scoprire i tanti modi per finanziare le idee e incontrare potenziali collaboratori e sostenitori.

60131978

Partecipare a Crowdfest darà modo di conoscere e approfondire l’uso del metodo, imparare ad applicarlo a un’idea di business, incontrare le principali piattaforme italiane e toccare con mano alcuni degli oggetti tecnologici e di design finanziati grazie al finanziamento della folla.

Per chiunque facesse parte di una startup o che abbia un progetto da sviluppare, inoltre, avrà la possibilità di presentarlo al pubblico o ad alcuni investitori per ricevere consigli e trovare i tuoi prossimi sostenitori.

60167532

Il programma di incontri, esercitazioni pratiche e opportunità di business di Crowdfest si suddivide in 5 aree:

CrowdTalks

Come e quando puoi utilizzare il crowdfunding? Scoprilo attraverso le esperienze di chi ne conosce le potenzialità e l’applicazione nei diversi ambiti.

  • apprendi i segreti del metodo da chi ne ha già fatto il proprio modello di business;
  • scopri come è stato utilizzato per progetti di design, salute, scuola, cinema, musica, civic, smart cities, food, gaming.

CrowdLabs

Come si crea una campagna di crowdfunding per i diversi settori di business? Quali sono i primi passi per avviare un’impresa? Apprendi tutti i segreti dagli esperti.

  • impara a creare una campagna mirata per l’ambito in cui operi;
  • impara a impostare un business plan.

Made in Crowd

Oggetti tecnologici e di design finanziati in crowdfunding da tutto il mondo.

  • scopri e prova oggetti tecnologici e di design realizzati grazie al finanziamento della folla.

bologna-crowdfest

Pitch please!

Hai bisogno di una consulenza per la tua attività o vuoi presentare il tuo progetto a un investor? Proponiti per un one-to-one pitch da 10 minuti.

  • proponi la tua idea a un investor;
  • chiedi una consulenza a un esperto.

Back me up

L’opportunità di raccontare il tuo progetto o lanciare la tua campagna al pubblico presente attraverso un mini-speech della durata di 10 minuti.

  • presenta la tua idea al pubblico;
  • lancia la tua campagna o il tuo prodotto.

mappa

Per Informazioni

CrowdFest 2016 8-9-10 aprile 2016 – Palazzo Isolani, Bologna // E-mail: ciao@crowdfest.it // Facebook: CrowdFest

,

Commenti disabilitati